Noi siamo il bosco

Noi siamo il bosco

dove incisi nelle cortecce i volti gridano
una rivolta sorda, nata nelle radici –fauci

che addentano il terreno, la nostra perduta
memoria degli insepolti.

Il silenzio circonda la trama dei rami
la sfida dell’individuo, graffio che sangue e resina
impasta la nostra lingua di nervature –impronte
digitali del nostro esistere ai margini

dell’indecifrato estinguersi, urlo di pietra
soffocato dall’unanime altrove della foresta,

caduti ai margini
del bianco

 

P. V.

 

Camille Corot, 1796-1875
Camille Corot, Ingresso nel bosco, 1825 circa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...